Nuove regole sul bagaglio a mano Ryanair provate per voi

Dal 15 gennaio 2018 sono cambiate le regole per il bagaglio a mano Ryanair.

Se ne è parlato tantissimo, ho letto centinaia di scambi di messaggi sui social. Per un attimo anche la Ferragni ha temuto che le nuove regole di O'Leary oscurassero le migliaia di visualizzazioni dei suoi post.

La Compagnia low cost ha divulgato video e comunicati in ogni dove, eppure tutti sono entrati nel panico: bagaglio a bordo si o no? Quali costi aggiuntivi? E i tempi?

Per fare chiarezza, ho deciso di sperimentare per voi. Ecco il mio programma di viaggio:

 

Nel volo di andata ho scelto il biglietto base, mentre in quello di ritorno ho optato per il Priority, un supplemento che costa 5€ al momento dell’acquisto e 6,60€ nei giorni successivi.

Ecco come è andata.

Andata:

Sabato sono arrivata in aeroporto alle 7.00 e ho raggiunto direttamente il gate, con la mia carta di imbarco rigorosamente digitale fatta a casa via app.

Al gate la fila era divisa in due tra i possessori del priority e il resto del mondo.

Come sempre ho aspettato di essere l’ultima ad imbarcare (non mi piacciono le file!) e poi ho raggiunto il gate.

Il mio bagaglio: un trolley di dimensioni rigorosamente consentite (55 x 40 x 20 cm) e una borsa da donna, anche questa nei limiti (35 x 20 x 20 cm).

L’hostess ha controllato la carta di imbarco non priority e ha attaccato un’etichetta gialla al mio trolley spiegandomi che sarebbe stato imbarcato gratuitamente.

Ho attraversato il tunnel che collegava il gate all’aeromobile e ho consegnato il mio bagaglio a un addetto. Per essere precisi a Fiumicino ti chiedono di lanciarlo su uno scivolo, in altri aeroporti lo caricano su un carrello nei pressi dell’aereo. In ogni caso non ci sono costi aggiuntivi.

Ho ritirato il mio trolley a Bari direttamente sul nastro e devo ammettere di aver atteso solo pochissimi minuti.

Ritorno:

Ho raggiunto l’aeroporto alle 6.10 e ho saltato la lunghissima fila con la mia carta di imbarco priority. Anche in questo caso il mio bagaglio era costituito da un trolley più borsa da donna. Unica differenza la presenza di leccornie pugliesi, ma questa è un’altra storia!

Ho potuto così sistemare il mio trolley nella cappelliera e la borsa sotto il sedile davanti a me, garantendomi all’arrivo una maggiore rapidità e quindi la possibilità di lasciare l’aeroporto più velocemente.

 

In fin dei conti non è una grave complicazione questo cambio di regole!

Tra l’altro fino ad una settimana fa la Compagnia low cost più amata da noi italiani, aveva comunque l’abitudine di imbarcare gratuitamente i bagagli in eccedenza (tipicamente dopo i primi 90) e nessuno si lamentava...fino a quando non ci sono costi aggiuntivi va tutto bene!

Il mio consiglio: se non trasportate oggetti preziosi o molto fragili, e non avete fretta all’arrivo, il supplemento priority non è indispensabile. Detto questo ribadisco che il costo del supplemento è di 5€ e considerati i prezzi dei biglietti ryanair non mi sembra un esborso eccessivo.

 Buon viaggio a tutti

 

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading


chiudi
Seguici anche su Facebook, metti Like sulla pagina
chiudi

Ciao, ti va di dirci qualcosa in più di te?

Nome

Cognome

Email  (obbligatoria)

Quale è il paese che hai visitato che conosci meglio o ti è piaciuto di più?

Quale è il prossimo paese che ti piacerebbe visitare?

Oppure se vuoi scrivere sul blog registrati qui

chiudi

Ops, stiamo riconfigurando il database dei viaggi! Non disperare saranno disponibili il prima possibile.