Cosa vedere a FARO e OLHAO  in ALGARVE

2a TAPPA: FARO

  

Faro, capitale dell' Algarve, è una città che esprime un fascino incredibile. Il punto da cui partire per esplorare il centro è il porto da cui partono numerosi viali da gustarsi passeggiando o con una pausa nei numerosi ristoranti e caffè.

Arrivati a Faro, raggiungiamo l'hotel EVA, che risponde pienamente alle nostre aspettative: elegante e confortevole, illuminato in modo sapiente. Qui nulla è lasciato al caso.

 

 

 

La struttura ha una posizione privilegiata a pochi metri dal centro storico di Faro. Di sera si può godere di una vista straordinaria sul porticciolo illuminato.

 

In serata facciamo un giro di ricognizione e il passaggio di rito all'ufficio turistico, alla fine dei giardini Bivar Manuel, per recuperare gli orari del traghetto per  l' isola di Farol e  per Olhao.

Andiamo a cena al ristorante O Castelo situato sulle vecchie mura. Avevamo letto di questo ristorante già prima del viaggio, ma riusciamo comunque a stupirci. Ottimo cibo, ottimo vino e servizio strepitoso! Nella cornice di un tramonto arancione, gustiamo un piatto arabo a base di carne e marmellata. Semplicemente strepitoso.

 

                   

28 agosto

La Cidade Velha', la parte più antica della città, si trova sul lato orientale del porto. Attraversiamo  l'arco (Arco da Vila) alla fine dei giardini Bivar Manuel (sulla sua sommità nidificano le cicogne), e seguiamo la stretta strada lastricata, Rua do Municipio, per giungere nel Largo da Sé. La Cattedrale di Faro, nel bel mezzo della piazza, non può sembrare molto grande da fuori, ma dentro è un'altra storia; le intricate sculture dorate, piastrelle decorate (azulejos) e le opere d'arte sono ben da vedere. Edificata tra il XII e XIV secolo (anche se gran parte della decorazione interna è del XVII secolo) e, pur dovendo essere restaurata  dopo essere stata saccheggiata e data alle fiamme dal conte di Essex nel 1596 e danneggiata dal terremoto del 1755, ha ancora la porta  e due cappelle originali.

          

Saliamo sulla torre campanaria per una vista straordinaria di Faro e gli altri edifici della piazza tra cui il Seminario e il  Palazzo Vescovile (che si trova nella piazza di fronte alla Cattedrale.) Il palazzo è ancora la residenza ufficiale del Vescovo di Faro, quindi non è aperto al pubblico.

Dopo il pranzo il pomeriggio è tutto dedicato a prendere il sole al piano piscina dell' albergo e a gironzolare in centro per lo shopping. Anche stasera cena al ristorante O Castelo a base di baccalà.

29 agosto 

Stamane andiamo all'isola di Farol nel parco Naturale di Ria Formosa che si estende per circa la metà della costa orientale dell'Algarve e copre una superficie di oltre 18.000 ettari. L'isola è circondata da una barriera di isole e penisole di dune sabbiose, che ospitano favolose spiagge di sabbia dorata. Questa barriera protegge una grande laguna, ovvero un sistema di  isolette e canali che ospita sia una grande varietà di fauna e flora che per importanti industrie locali di pesca, molluschicoltura e piscicoltura, oltre che la produzione di sale. L'imbarcadero è a ridosso delle mura antiche dove passa la linea ferroviaria, a binario unico, della costa dell' Algarve.

       

La traversata dura 40 minuti, tra spruzzi di acqua frizzante e profumo di mare. Intano gli occhi si riempiono alla vista di un mosaico di isole verdi, lagune blu e spiagge di sabbia bianca. Le spiagge sono straordinarie e piene di fascino sia d'estate sia d'inverno. Un tripudio di luci e colori per un fotografo!

 

L'isola è un piccolo villaggio di pescatori fatto di piccole case colorate sulle quali spicca un bellissimo faro (Farol significa letteralmente Faro). Questo è un luogo unico idilliaco, con acque calde, cristalline e paesaggi sorprendenti con vegetazione naturale che può essere osservato in tutta l'estensione dell'isola.

 

           

Arriviamo al faro, per ammirare una vasta spiaggia di sabbia bianca e fine bagnata da acque calme e fredde. Siamo circondati da musica e colori..Sembra quasi di essere Brasile!

 

            

Lasciamo l'isola di Farol per la nostra seconda fermata: Olhao. il più grande porto di pesca dell'Algarve.

 

 3a TAPPA: OLHAO

 

Olhão è una città da mille "facce"; da un lato un porto di pesca e un importante centro industriale  per l'inscatolamento di tonno e sardine, dall'altro un centro storico e pittoresco.

Il modo migliore per raggiungere il centro storico di Olhão è imboccare la strada direttamente di fronte ai padiglioni del mercato. Camminiamo tra case eleganti con balconi in ferro battuto, in pietra scolpita e decorazioni in cotto che contrastano con l'area portuale.

 

 

            

Al centro della città, alla fine di Avenida da República, in Praça da Restauração, si trova la chiesa di Nossa Senhora do Rosário, costruita nel 1698 con il contributo dei pescatori.

 

Il centro storico della città è in realtà piuttosto pittoresco, si distingue completamento dal porto e dal quartiere dei pescatori. Il mercato comprende due edifici lungo il fronte d'acqua con una grande varietà di pesce freschissimo e frutti di mare che provengono direttamente dal porto e una vasta gamma di produzione locale di frutta e verdura fresca.

       

Il mercato è circondato da ristoranti con tavoli all'aperto dove è possibile mangiare godendo della vista delle barche ormeggiate lungo il lungomare di Marina Olhão.  

 

Ci aspetta il ristorante O Castelo! Stasera cena a base di straordinari gamberoni! Tornati in albergo ci godiamo la vista di Faro, una città che ci ramarrà nel cuore per sempre!

Domani si parte per l' ultima tappa: Porto.

 

 

 

Aggiungi Commento

biuquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading


chiudi
Seguici anche su Facebook, metti Like sulla pagina
chiudi

Ciao, ti va di dirci qualcosa in più di te?

Nome

Cognome

Email  (obbligatoria)

Quale è il paese che hai visitato che conosci meglio o ti è piaciuto di più?

Quale è il prossimo paese che ti piacerebbe visitare?

Oppure se vuoi scrivere sul blog registrati qui